Senz'altro una gara EMOZIONANTE! anche prima del via, con la sfilata delle medaglie d'oro italiane di Tokyo, lo scatto di Jacobs al via, gli azzurri i vip italiani, la curva dedicata a un grande italiano della F1, Alboreto, i 100 anni del tempio della velocitá! 

L'incidente di MAX e Hamilton oltre a modificare il risultato finale, segna una rivalitá ai livelli di Senna Prost, Lewis, salvato da "san Halo", brutto ma veramente molto importante per salvare la vita dei piloti! 

Anche se le Ferrari sono state discrete, non molto lontane, ma non sul podio come spera sempre il popolo rosso presente a Monza, comunque ci ha pensato l’italo australiano a rincuorare i tifosi facendo tornare il successo alla McLaren dopo 9 anni: “Dopo l'estate ho cominciato a ritrovarmi, mi sono sbloccato”. 

Un podio di Ricciardo è come sempre uno spettacolo non solo per la sua omologata scarpa al Prosecco sul podio ma anche per la sua eloquenza: “Posso dire una parolaccia? Ah no?! Ok, beh, però era ora... Il momento cruciale è stato la partenza, ha funzionato bene per me, però anche con una buona partenza non potevo avere garanzia di vincere."

Il segreto di Ricciardo? È che ho fatto finta di andare piano per tutto l’anno, così stavolta li ho sorpresi... Scherzi a parte, dopo la pausa estiva ho cominciato a ritrovarmi, è andata bene, per tutto il team credo sia un risultato straordinario”. Prima di rivolgersi ai tifosi in tribuna, parlando in italiano: “Speravo ci fosse una Ferrari sul podio, ma comunque vi dico che c’è un nome italiano in cima a tutti”. E dalle tribune è arrivato un altro boato dal pubblico ferrarista che sa che nel sangue dell'australiano scorre sangue delle nostre vene!

Ordine d’arrivo GP d’Italia

1. Ricciardo (McLaren)

2. Norris (McLaren) +1”747
3. Bottas (Mercedes) +4”921
4. Leclerc (Ferrari) +7”309
5. Perez (Red Bull) +8”723
6. Sainz (Ferrari) +10”535
7. Stroll (Aston Martin) +15”804
8. Alonso (Alpine) +17”201
9. Russell (Williams) + 19”742
10. Ocon (Alpine) +20”868
11. Latifi (Williams) +23”743
12. Vettel (Aston Martin) +24”621
13. Giovinazzi (Alfa Romeo) +27”216
14. Kubica (Alfa Romeo) +29”769
15. Schumacher (Haas) +51”088
16. Mazepin (Haas) rit.
17. Hamilton (Mercedes) rit.
18. Verstappen (Red Bull) rit.
19. Gasly (AlphaTauri) rit.
20. Tsunoda (AlphaTauri) rit.

Anche se non sono nessuno solo un gran appassionato dell'italianitá nel mondo e dello sport a motori, vedendo le immagini da un casco di un giovane pilota di F1 questo weekend, non potevo non ricordarmi l'emozione di girare in quella pista con una Formula minore per la prima volta con un nodo alla gola con l'emozione di sfrecciare oltre 260 Kmh nel tempio della velocitá italiana! Speriamo vedere di nuovo le rosse e il biscione ai vertici, con PILOTI ITALIANI o di ORIGINI ITALIANE ! che son tanti in giro per il mondo!