L’Italia, un paese che ha segnato la storia globale da sempre, con la forza della creatività, della passione, e perché no anche della sofferenza. La recente pandemia, storicamente non l’unica che ha ferito la nostra piccola penisola, ha provato inginocchiare lo spirito combattivo di una nazione basata sul lavoro. I morti son stati tanti, le notizie nei giornali del mondo senza mezzi termini come se il Covid fosse COSA NOSTRA.

“Dopo 4 anni torno in patria, in estate, ed ho provato una grande emozione, nonostante un paese ferito, che ho dovuto condividere le pene sul nostro giornale, mi ha sorpreso vedere in autostrada tante bandiere italiane riflesse sui muri delle grandi aziende, nei piccoli centri città decorati con il nostro tricolore, tante le bandiere sui balconi dei comuni cittadini, i negozi che ribadiscono PRODOTTO IN ITALIA, i tormentoni d’estate sono italiane e cantante in italiano e più di una nomina l’italia, ricordo che 4 anni fa non era così, c’è un risveglio, finalmente c’è voglia d’Italia anche in ITALIA! non solo dai noi immigranti!”

La rinascita, spontanea, riflessa dalle decorazioni per strada alle frecce tricolori nei cieli azzurri del nostro paese hanno rinvigorito anche i muscoli e la tenacia degli sportivi che hanno raccolto tante vittorie come quella schiacciante degli azzurri di Mancini all’europeo, le 40 medaglie alle olimpiadi di Tokio tra cui 10 ori sudati e meritati, tennisti in finale, piloti in crescita che non vedevano l’ora di cantare a squarciagola le note di Mameli (Inno Italiano) in giro per il mondo. Anche nello spettacolo la Pausini nel 2020 vince il Golden Globe, l’intramontabile Sophia Loren ancora sorprende.

Questa energia arriva anche all’estero, ad esempio a Panama, il Corriere di Panamà, ha risvegliato anche le vecchie generazioni alla voglia d’Italia, la ricerca delle radici e l’importanza della presenza nel paese in cui viviamo. Inizia ad operare la camera di commercio, l’istituto Dante Alighieri che per le nuovi generazioni sarà un punto di riferimento insieme alla più antica istituzione: la Società Italiana di Beneficenza che fa i suoi più numerosi eventi e ricresce.

Non è stata la politica italiana, bensì il popolo italiano che non potendo votare si espressa in maniera diversa e fa anche cambiare l’immagine nei giornali del mondo.

La crisi non è finita, ma la luce del tunnel si fa sempre più verde bianco e rossa, sarà la nostra gastronomia: una benzina studiata nei secoli per dare forza, intelligenza e bellezza al nostro popolo e a chi ci segue, sarà la fede in DIO che abbiamo in casa, sarà che sappiamo che soffrendo si ottengono i traguardi più ambiti, l’italianità non morirà mai, come la nostra presenza oltre confini che deve ripagare a chi rimane nel più bel paese del mondo!